Creature Ostinate, Aimee Bender: recensione





Autrice poco conosciuta (e purtroppo poco edita) in Italia, Aimee Bender è il nostro suggerimento per questo week end di lettura.


Aimee Bender
è una scrittrice statunitense del 1969, pubblicata nelle più prestigiose riviste letterarie di settore come Paris Review e Granta. Esordisce nel 1998 con The Girl in the Flammable Skirt, una raccolta di novelle edita solo nel 2002 in Italia da Einaudi sotto il titolo Grida il Mio Nome (curioso pensare al fatto che il titolo originale è del resto il titolo della novella conclusiva del libro).

Abile scrittirce di racconti brevi, Aimee Bender si è anche cimentata con i romanzi. Due sono le opere all’attivo: Un Segno Invisibile e Mio e Creature Ostinate.
E proprio questo è il testo che vogliamo suggerirvi.
Creature Ostinate è edito da Minimum Fax e ha raccolto critiche e pareri meravigliosamente positivi da addetti ai lavori e pubblico.
Tanto per citare qualche commento a margine del romanzo, possiamo riportarvi le parole dell’Esquire:
Aimee Bender ha creato una serie di bizzarre e scintillanti miniature. Creature ostinate è così ricco di dettagli precisi e di sensazioni tangibili che è impossibile staccarsene.  Lo sguardo della Bender, con il suo humour nero e coraggioso e i suoi tocchi grotteschi, ha il potere di farci vergognare per il nostro stesso mondo, così pieno di disavventure emotive e fallimenti morali”

E ancora possiamo citare il Los Angeles Times:
Lirica e piena di grazia, la prosa della Bender è anche diretta e concreta. È un’autrice capace di creare giri di frase che lasciano senza fiato [...] È una Hemingway sotto acido: le sue scelte sono insolite, al tempo stesso eteree e sorprendentemente ricche di sostanza”
E’ difficile poter recensire un libro come Creature Ostinate di Aimee Bender, difficile perchè è un testo denso, ricco di immagini, di surrealismo e una forza espressiva che non è assolutamente comune. E’ un romanzo che deve parlare da sè. Fluire. Con tutte le sue fiabe scanzonate e talvolta nere.
Qundici sono i racconti inseriti nella raccolta e il carattere comune che li lega è sempre lo stesso: l’incrocio mirabile, patologico quasi, tra realtà e surrealtà. Tra fiaba e quotidiano.
La capacità della Bender risiede proprio in questo, la leggi e ci credi.
Non vogliamo dirvi di più… Acquistate il libro e poi dopo, fateci sapere cosa ne pensate.