Fiera dell’Editoria Meridionale e del Libro 2011: a Salerno la cultura del Sud



Non sorprende troppo vista l’aria che tira che anche il mondo dell’Editoria proclami la sua secessione culturale. Nasce infatti la Fiera dell’Editoria Meridionale e del Libro, che dal prossimo 10 giugno fino al 12 dello stesso mese, avrà la sua prima edizione nel Complesso Monumentale Santa Sofia di Salerno, sostenuta e patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Salerno, dalla Regione Campania, dalla Camera di Commercio, dalla Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, da PrintArt, dall’Azienda Liverini, dal Consorzio Stabile Soledil, da Pinauto, da Vodafone, dall’Associazione Sodalis, dall’Autorita’ Portuale e dalla Confindustria di Salerno, l’iniziativa e’ ideata dall’Associazione Culturale Nuova Officina e dalla Casa Editrice Millennium

La nuova manifestazione culturale si prefigge come scopo quello di essere un punto di incontro e confronto fra case editrici, ma anche un momento di dibattito su temi molto sentiti nel centro-sud, come, ad esempio, la criminalità organizzata; Gomorra docet. Il centro storico del capoluogo campano si trasforma così per tre giorni in nodo cruciale dell’editoria italiana, proponendosi come strumento di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su questioni di interesse internazionale, oltre che come vetrina per case editrici sia affermante che provenienti da realtà considerate minori e come momento di dibattito e di sinergia fra le istituzioni.

Tre giorni di fiera per conosce libri, editori e autori, che magari sono lontani dall’egemonia culturale e che offrono quindi l’opportunità di approfondire importanti temi attuali presentando nuovi punti di vista.

Inoltre, ci sarà uno spazio dedicato agli scrittori esordienti o giovani e un altro dedicato ad autori noti che hanno pubblicato con case editrici di rilievo nazionale.