Gli innocenti di Burhan Sönmez



Torniamo ad occuparci di letteratura considerata minore e di editori coraggiosi, presentando oggi il libro Gli innocenti di Burhan Sönmez, volume che sarà presentato in Italia da Del Vecchio Editore.

In queste pagine un uomo e una donna si incontrano. Ognuno di loro porta con sé un segreto e un peccato. Esilio, costrizione, sofferenza, amore e fiaba in un unico coinvolgente romanzo di storie infinite, tra le pianure di Haymana, Teheran e Cambri Un uomo e una donna si incontrano. Ognuno di loro porta con sé un segreto e un peccato. Esilio, costrizione, sofferenza, amore e fiaba in un unico coinvolgente romanzo di storie infinite, tra le pianure di Haymana, Teheran e Cambridge. È Brani Tawo, nato nella pianura di Haymana, che vive nella Cambridge degli anni Settanta e lavora come interprete in un ospedale, a raccontarci in prima persona la sua storia. In un negozio d’antiquariato Brani incontra Feruzeh, iraniana, che sta finendo il dottorato a Cambridge, e tra i due nasce una tenera storia d’amore. Quando Feruzeh è costretta a tornare in Iran per assistere la sorella malata, Brani, nell’attesa del suo ritorno, sfiora la depressione e nelle notti insonni ricostruisce il proprio passato, il presente, la propria identità. Il racconto scivola così indietro nel tempo, fino all’infanzia di sua nonna. Sönmez, con descrizioni precise, personaggi ben definiti e storie e figure coinvolgenti e quasi fiabesche, crea un romanzo romantico e filosofico al tempo stesso, e racconta l’esperienza dell’esilio sia come allontanamento forzato dalla propria terra per motivi politici, sia come esilio dalla propria identità di bambino, autentica perché incontaminata.

 

Ricordiamo ai nostri lettori che Burhan Sönmez (che vedete in foto) è nato nelle pianure di Haymana, nella Turchia Centrale, e ha trascorso l’infanzia in un paesino senza elettricità né acqua corrente, accompagnato dalle storie raccontate dalla madre, eccelsa affabulatrice. Dopo gli studi in giurisprudenza all’università di Istanbul, ha lavorato come avvocato ed editore. Arrestato più di una volta per il suo impegno politico, e dopo aver subito gravi lesioni, per lungo tempo è rimasto in Gran Bretagna, e ora vive tra Istanbul e Cambridge. È stato uno dei fondatori del TAKSAV (Fondazione per la Ricerca Sociale, Cultura e Arte), e anche membro fondatore di ODP (Libertà e Solidarietà partito), di cui è stato vice presidente durante il primo mandato. Gli Innocentiha ricevuto il Sedat Simavi letteratura Award che è il premio letterario più prestigioso in Turchia.

Autore: Burhan Sönmez
Titolo:Gli innocenti
Traduzione di Eda Özbakay
in libreria dal 5 marzo 2014
prezzo:13, 50 euro

Screenshot_1