I 5 finalisti del Premio Campiello 2011



E venne il giorno in cui arrivarono anche i nomi dei cinque libri finalisti al Premio Campiello 2011 che sarà assegnato a settembre.

Questi i cinque titoli che si contendono la vittoria finale:

Disegnare il Vento di Ernesto Ferrero

L’ultima Sposa di Palmira di Giuseppe Lupo

Se tu fossi qui di Maria Pia Ammirati

Di Fama e di sventura di Federica Manzone

Non tutti i bastardi sono di Vienna di Andrea Molesini.

Una breve analisi dei cinque titoli approdati in finale ci mostra come a contendersi la vittoria siano rimasti editori importanti del calibro di Einaudi, Marsilio, Cairo, Mondadori e Sellerio.

Per quanto riguarda le quote rosa, qui sono degnamente rappresentate, su 5 autori 2 sono donne, se poi aggiungiamo anche Viola Di Grado, vincitrice del Campiello opera prima con il suo Settanta acrilico trenta lana vediamo come le pari opportunità siano degnamente rispettate con un bel 3 a 3 finale che non scontenta nessun sesso.

I libri finalisti in breve
Disegnare il vento (Einaudi) di Ernesto  Ferrero: Nel centenario della scomparsa di Emilio Salgari, morto suicida, Ferrero ci presenta la vita dell’uomo creatore di eroi, divisa tra Verona, Venezia, Genova e Torino.
L’ultima sposa di Palmira (Marsilio) di Giuseppe Lupo. Un esempio di Spoon River all’italiana. In Lucania, dopo un terremoto, l’unico bottegaio in attività è un falegname che dipinge simboli sulle porte delle case. I loro significati verranno poi spiegati ad un antropologa.
Se tu fossi qui (Cairo) di Maria Pia Ammirati: Un giovane vedovo rielabora il lutto appena subito.
Di Fama e di sventura (Mondadori) di Federica Manzon: La vita qui è come una sfida continua contro tutto quello che fa paura.
Non tutti i bastardi sono di Vienna (Sellerio) di Andrea Molesini: i giorni della disfatta di Caporetto raccontati attraverso gli occhi di un giovane di provincia.