I cinque libri più belli di Stephen King secondo i lettori





Stephen King è l’autore horror per eccellenza, letto un po’ da tutti, anche da Totti, perdonate il gioco di parole.  King tra l’altro è un evergreen, un classico della letteratura che però sembra godere di un particolare successo di vendite nel periodo estivo dove si parla spesso e volentieri di lui, in pratica sembra che si legga proprio bene sotto l’ombrellone, io non ci ho ancora provato ma voi siete liberissimi di farlo.

Oggi parliamo del padre dell’horror narrativo a stelle e strisce perché su Twitter è stata appena stilata, da numerosi lettori appassionati del genere,una speciale classifica dei suoi libri più belli, o semplicemente preferiti, scritti dall’autore di Carrie, ma andiamo a vedere in dettaglio.

Al quinto posto si è piazzato il romanzo distopico, L’ombra dello scorpione, del 1978 nelle cui pagine apparve per la prima Randall Flagg, antieroe che tornerà in seguito ne Gli occhi del drago e nella saga della Torre Nera.

In quarta posizione c’è invece Shining trainato dalla grande trasposizione cinematografica firmata dall’immenso Stanley Kubrick.

Sul gradino più basso del podio troviamo invece  Misery, il volume che racconta la vicenda del celebre scrittore Paul Sheldon rapito e segregato in una sperduta casa del Colorado da una sua delirante ammiratrice, anche questo visto al cinema.

Un po’ a sorpresa, ma forse ricordo davvero male il film, al secondo posto abbiamo Pet Sematary, cioè il volume narrante la storia maledetta del cimitero di Ludlow.

Vince, com’è abbastanza prevedibile in realtà, l’onni presente It del pagliaccio assassino reso celebre anche dalla miniserie televisiva degli anni 90.