Il lettore, il narrare di Peter Bichsel



Nel suo libro, Il lettore, il narrare, pubblicato per la prima volta in tedesco nel 1982 e ora riproposto in italiano da Comma 22 editore, con l’aggiunta di alcuni inediti recentissimi e traduzione e cura di Anna Ruchat, Peter Bichsel si sofferma, sempre narrando, su una dimensione ironica e malinconica, quasi domestica della lettura e della scrittura.

L’autore sottopone al lettore un frammento del suo perpetuo inventario di storie e s’interroga: cosa resta e cosa va irrimediabilmente perso nel quotidiano rimpasto dell’abitudine?

Il lettore e il narrare, le Lezioni di Francoforte di Peter Bichsel, non è un testo teorico ma scava nella letteratura un solco di senso tanto più profondo quanto più il ricordo è che le accende è vivo nella mente di chi parla.

A questo link potrete visionare gratuitamente alcune pagine in anteprima: http://issuu.com/comma22/docs/bichsel_issuu?mode=window&backgroundColor=%23222222

Comma 22 Editore per chi non lo sapesse è una casa editrice specializzata in fumetto e illustrazione. Pubblica graphic novel, narrativa e cataloghi; organizza esposizioni ed eventi.

Peter Bichsel è uno degli scrittori svizzeri più noti. Nato nel 1935 a Solothurn, dove vive tuttora, si è inizialmente dedicato all’insegnamento. Nel 1964 una raccolta di racconti lo ha reso celebre: Storie per bambini, apologhi vagamente surreali sui paradossi del mondo. Una lettura quasi d’obbligo nelle scuole di lingua tedesca. Bichsel oggi è conosciuto specie per raccolte di saggi. Sapiente miscela di racconto e riflessione di costume, punteggiano stili e contraddizioni della vita civile, forme di intolleranza politica, razziale e di censo, e sottolineano il primato delle storie sulla storicizzazione. Fondamentali le lezioni su lettura e letteratura, tenute a Francoforte nel 1982, raccolte con il titolo Il lettore, il narrare.
“Scrivere non è semplicemente mettere per iscritto. Scrivendo non penso esattamente allo stesso modo di quando parlo” (p.81)