Io e Te di Niccolò Ammaniti



Uno dei più conosciuti scrittori italiani e senza ombra di dubbio Niccolò Ammaniti, autore di questo recente libro intitolato Io e Te.
Essenziale già nel titolo la storia è semplice: viene qui raccontata la vicenda di un fratello e di una sorella che non si conoscono perché hanno sì lo stesso padre ma due madri diverse e per lo più vivono in città lontante. Lo spunto vorrebbe far pensare alla famiglia allargata, forse, ma Ammaniti, alla sua maniera, si concentra sulle chiusura dei due personaggi: la sorella scostante e ribelle il fratello ansioso.
Ricco di frustrazioni adolescenziali, anche troppe tanto che leggendolo vi chiederete  se Ammaniti sia un genio o un semplice Peter Pan fermatosi all’età dell’ adolescenza…ma il bello, il punto di forza di questo libro è proprio qui, nella sua debolezza. Tutti noi ci siamo sentiti inadeguati almeno una volta nella vita e Ammaniti lo sa bene e ce lo racconta da par suo.
Il resto della vicenda è preso pari pari dall’ idea che stava dietro a Mari del Sud, una pellicola, passata inosservata, del 2001 con Diego Abbatantuono dove una famiglia si chiudeva in cantina per passare le vacanze e così fa Lorenzo, il fratello del romanzo che si nasconde in cantina fingendo di passare la settima a Cortina da un compagno di classe. Ma la cantina diventa quindi un antro della sorprese visto l’arrivo di Olivia sorella con problemi di droghe e in crisi di astinenza.
Il racconto si chiude in una cantina quindi, come il buco di Io non ho Paura, e Ammaniti sa gestire molto bene le storie chiuse in spazi stretti anche se vi suonerà come di già letto, già vissuto, già visto…