La classifica di Gennaio 2011, ecco i libri più venduti



Fine mese è sempre tempo di classifiche e così diamo uno sguardo a come stanno andando le cose in libreria grazie anche al supplemento Tuttolibri de La Stampa di Torino.

Inevitabile il successo de La versione di Barney, visto anche l’arrivo nelle sale italiane della pellicola ispirato al capolavoro di Mordecai Richler, portato in Italia dall’Adelphi.

La prima new entry che troviamo in classifica è Il profumo delle foglie di limone, di Clara Sanchez, un delicato romanzo che richiama ai giorni nostri le vicende dello Shoah, la sua posizione in classifica è frutto forse del periodo visto la recente Giornata della Memoria.

Non sorprende il consolidamento in classifica di Benedetta Parodi, il traino quotidiano televisivo funziona eccome per i suoi Benvenuti nella mia cucina e Cotto e mangiato, entrambi editi da Vallardi.

Segue un altro personaggio televisivo, Luciana Littizzetto, con I dolori del giovane Walter, già presentato in dettaglio poco tempo fa qui su libri10.

Il primo scrittore italiano presente in classica è Niccolò Ammaniti che con il suo racconto Io e te, pubblicato da Einaudi si piazza alla sesta posizione, un gradino sopra Umberto Eco e il suo Cimitero di Praga (Bompiani)

Resiste anche il premio Strega e Premio Acqui Storia, Antonio Pennacchi, con il suo Canale Mussolini.

Chiude al decimo posto Giorgio Faletti con Appunti di un venditore di donne.

  1. La versione di Barney (Mordecai Richler, Adelphi)
  2. Benvenuti nella mia cucina (Benedetta Parodi, Vallardi)
  3. Il profumo delle foglie di limone (Clara Sanchez, Garzanti)
  4. I dolori del giovane Walter (Luciana Littizzetto, Mondadori)
  5. Cotto e mangiato (Benedetta Parodi, Vallardi)
  6. Io e Te (Niccolò Ammaniti, Einaudi)
  7. Il cimitero di Praga (Umberto Eco, Bompiani)
  8. La mappa del destino (Gleen Cooper, Nord)
  9. Canale Mussolini (Antonio Pennacchi, Mondadori)
  10. Appunti di un venditore di donne (Giorgio Faletti, Baldini Castoldi e Dalai)