Lola Shoneyin, Prudenti come serpenti, al Festivaletteratura di Mantova 2012



Segnaliamo un altro interessante incontro del Festivaletteratura di Mantova, edizione 2012, dove i lettori potranno incontrare la scrittrice nigeriana Lola Shoneyin, autrice di Prudenti come serpenti, libro pubblicato in Italia da 66th and 2nd.

Lola Shoneyin è nata nel 1974 a Ibadan, in Nigeria, da una famiglia di religione cristiana, ha trascorso l’infanzia in diversi collegi del Regno Unito, prima di tornare nel suo paese per studiare Letteratura inglese. Nel 1999 ha preso parte al prestigioso International Writing Program dell’Iowa University. Appassionata lettrice di Toni Morrison e Isabel Allende, amante della grande poesia americana (da Allen Ginsberg a Sylvia Plath a Alice Walker), la Shoneyin ha pubblicato diversi racconti su riviste letterarie, un libro per bambini, e tre raccolte di poesie. Prudenti come serpenti è il suo primo romanzo, inserito nel 2010 nella longlist dell’Orange Prize for Fiction. Figlia di una donna cresciuta in una famiglia poligama, Shoneyin dopo il primo matrimonio, durato soli quaranta giorni, ha sposato Olaokun Soyinka (figlio del premio Nobel nigeriano Wole Soyinka), dal quale ha avuto quattro figli. La coppia vive in Nigeria, a Abuja, dove la Shoneyin insegna inglese e teatro in un liceo.

Due sono gli incontri che la vedranno protagonista al Festivaletteratura di  Mantova 2012:

venerdì 7 settembre, ore 22.30
Blurandevù
Volontari, all’intervista!
in piazza Virgiliana

sabato 8 settembre, ore 21.00
Casa del Mantegna
Destini segnati?
con Michela Murgia

 

Prudenti come serpenti: Baba Segi è un facoltoso poligamo di mezz’età, grassoccio e vanitoso, con un insaziabile appetito per il cibo, le donne e il sesso. Da due anni ha sposato la bella Bolanle, intelligente, istruita e di ventanni più giovane. La coppia però non ha ancora avuto figli e, disperato, Baba Segi decide di abbandonare stregoni e ciarlatani per rivolgersi alla medicina ufficiale, convinto che la sua bella laureata sia sterile. La decisione scatena un putiferio in casa perché le indagini potrebbero portare alla luce un terribile segreto, gelosamente custodito dalle altre mogli. Se il capofamiglia scoprisse la verità sarebbe la fine per quelle intriganti e la loro numerosa prole… l’unica cosa da fare è passare alle maniere forti e liberarsi dell’odiata Bolanle. Tra complotti e oscure trame domestiche, i racconti di quattro donne in un romanzo divertente, ironico e dissacrante, che è anche una riflessione disincantata e insieme poetica sulla Nigeria contemporanea.

“È laureata, e allora? Quando ci ritroveremo dinnanzi a Dio nell’ultimo giorno,ci chiederà se siamo andati all’università? No! Ma vorrà sapere se siamo stati prudenti come serpenti, perché è così che la Bibbia ci chiede di essere”