Comma 22 di Joseph Heller, una risata paradossale contro il senso della guerra

La follia della guerra spiegata attraverso la lucidità della follia.
L’unico motivo valido per chiedere il congedo dal fronte è la paz
zia.Chiunque chieda il congedo dal fronte non è pazzo.

Questo è il paradossale comma in grado di decidere il destino di un uomo durante la guerra, la Seconda Guerra Mondiale in questo caso, qui combattuta su un’improbabile fronte italiano, visto che l’esercito Usa e i suoi bombardieri sono di istanza sulla isola di Pianosa per passare poi a bombardare città italiane come Ferrara e Bologna.

Il protagonista di questa storia è è Yossarian, pilota bombardiere, considerato pazzo per il semplice motivo che ha deciso di non voler morire in guerra. Assieme a lui c’è un esercito sconclusionato e mal assortito, un’armata Brancaleone Made in Usa, motore principe di questa vicenda ironicamente assurda.

Heller, che è uno che per scrivere un libro (E’ successo qualcosa) ci ha messo ben 14 anni, si è concentrato qui a sviscerare l’importanza di una frase, di un comma appunto, evidenziando come questi possa davvero portare all’assurdo o alla pazzia finale, in fondo è proprio da matti arrivare a legiferare anche la guerra ma tant’è…

 

Comma 22 vi darà da pensare, mettendo in modo il pensiero contro l’insensatezza di ogni guerra.
Pubblicato in Italia da Bompiani, arrivato ormai all’ennesima edizione, e portato sul grande schermo da Orson Welles in persona è un libro di culto, sconosciuto ai più che meriterebbe una maggiore diffusione.

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica