Il Premio Pulitzer 2011 va ad un sito e ad un libro in Power Point

Anche il Premio Pulitzer, nell’edizione annuale, quella del 2011 si apre alla tecnologia.

Il Pulitzer è un premio americano, considerato come la più prestigiosa onorificenza nazionale per il giornalismo, successi letterari e composizioni musicali che da quest’anno si trovano tutti a fare i conti anche con i giornali online e i libri virtuali.

 

Indiscutibile la qualità delle inchieste ma è senz’altro curiosa la piattaforma che le ha ospitate, ovvero il web, segno di una tendenza destinata a mutare l’informazione e l’editoria.

 

Così ecco che vicino a celebri testate come il New York Times e il Los Angeles Times, viene premiata anche ProPublica per il suo reportage The Wall Street Money Machine, leggibile solo on line.

La Columbia University di New York, amminisrtatrice del premio, non ha fatto alcuna distinzione fra tradizione e innovazione ma ha puntato solamente sulla qualità dei contenuti.

 

Gli altri premi sono andati al Washington Post per la copertura delle notizie riguardanti il terremoto ad Haiti e al Wall Street Journal.

 

A vincere il premio per la sezione narrativa è stata Jennifer Egan per il suo A Visit from the Goon Squad di Jennifer Egan, Bruce Norris ha visto per la drammaturgia con Clybourne Park mentre ad aggiudicarsi la sezione storica è stato Eric Foner con il suo The Fiery Trial: Abraham Lincoln and American Slavery.
Da segnalare come il libro della Egan sia stato realizzato tramite le slide di PowerPoint.
Per la giuria americana non era un problema ma per vedere queste cose in Italia è ancora presto.

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica